240424_imagen_portada.webp

Templo Shamash: El Alba. Ode a una civiltà maestosa

Lo scorso 11 aprile, una nuova edizione di Casa Decor ha aperto le sue porte per affascinarci con i progetti più all’avanguardia e le ultime tendenze nel settore dell’archiettura e dell’interior design. Fino al prossimo 26 maggio, guiderà centinaia di visitatori attraverso le stanze dell’emblematico Palacio de la Trinidad, un’affascinante enclave trasformata nei sogni più ambiziosi di alcuni dei più prestigiosi studi e interior design del paese.

Miguel Muñoz, vincitore del Miglior Progetto nell’edizione 2023 per il suo progetto dello spazio GEBERIT, torna a collaborare con il marchio per rendere omaggio a una civiltà solenne: la Mesopotamia.

Un’ode all’origine degli archi, delle ziggurat e della scrittura. Lo spazio di Miguel Muñoz per GEBERIT in questa nuova edizione di Casa Decor, ci riporta alla storia della civiltà mesopotamica attraverso elementi che hanno origine da questi popoli e che, nel corso della storia, sono diventati elementi quotidiani nel mondo dell’architettura. Templo Shamash: El Alba separa lo spazio attraverso imponenti archi che racchiudono la zona bagno, nel quale un grande sole nascente in gres porcellanato Montreal White si distende sul pavimento Moon White, entrami di XTONE, fondendosi con ciascuno degli archi che si innalzano dominando lo spazio.

Post Image

Al centro, un mobile con doppio lavabo e backsplash in pietra naturale Pangea di Altissima, il cui design selvaggio e drammatico conferisce carattere e personalità al mobile, catturando l’attenzione del visitatore e contrastando con il corpo neutro dell’opera. I suoi toni aridi e la sua presenza cristallina riportano l’osservatore al cuore della Babilonia, all’interno di uno dei suoi grandiosi templi.

A ribadire questa maestosità, un murale di ARTE, ritrae una scena della natura esuberante della Babilonia. Elefanti, palme e rovine di templi antichi adornano una delle pareti dello spazio.

Sotto agli elementi dell'ambiente, un pavimento progettato nei minimi dettagli combina la naturalezza dei toni beige del Montreal White con la luce del gres porcellanato Moon White, sul quale l'ombra degli archi è disegnata con una linea sottilissima di Liem Dark di XTONE, che simula la luce dell'alba attraverso gli archi.

Durante il percorso nel Templo Shamash: El Alba, il visitatore prende coscienza di ogni aspetto, particolarità e attributo che caratterizzano la civiltà mesopotamica. Ogni elemento dello spazio possiede l'essenza di quella civiltà che ha segnato un prima e un dopo nella storia dell'umanità. Un tributo grandioso, meticolosamente progettato per portare ogni vestigia della Mesopotamia nel presente. Un progetto meraviglioso che fonde il design d'avanguardia con la più pura tradizione architettonica.